SCUOLA DI ARTE – CHARLES REMIE MACKINTOSH

prospetto principale_scuola arte_mackintosh_glasgow

LUOGO: Glasgow

ANNO: 1897 – 1908

PARTICOLARI:

  1. Quest’opera è espressione emblematica dell’idea di intendere la costruzione come qualcosa di artigianale.
  2. Le aule da disegno si distinguono per l’innovativa separazione tramite tramezzi spostatile, secondo l’idea che uno spazio interno neuro e trasformabile.
  3. Utilizzò sistemi tecnologici all’avanguardia come l’illuminazione elettrica, condizionatori ambientali per riscaldare e ventilare.
  4. Gioca su un equilibrio fra simmetria e asimmetria con la divisione della pianta in sotto assi e un potale inserito nel quarto asse da sinistra e spostato per occupare l’esatta metà dell’edificio.

Questo slideshow richiede JavaScript.

DESCRIZIONE: Mackintosh persegue una propria ricerca di verità della struttura che non corrisponde agli orientamenti prevalenti nell’area continentale, ma è piuttosto ispirata a quella nostalgica espressa in “Le sette lampade dell’architettura” da Ruskin, che rifiuta le nuove tecniche costruttive radicandosi nei procedimenti di lavorazione artigianale, in cui l’imperfezione è traccia della mano del lavoratore, e nell’uso prevalente di materiali naturali.

La biblioteca è un vano quadrato di muratura a doppia altezza con ballatoio sviluppato peritralmente su tre lati e sostenuto da una struttura di  legno in vista: due file di pilastri ricevono per tangenza travi doppie che sostengono il piano della balconata, arretrata rispetto ai montanti e con un parapetto sagomato. La posizione delle due file di montanti è determinata perché ognuna di esse deve essere impostata su una trave a doppio T di ferro del solaio.

All’esterno, nella massa muraria della facciata principale, le commettiture di conci di pietra a vista, accuratamente tagliati e apparecchiati in corsi di altezza regolare, si confrontano con la trama grafica delle linee sottili in ferro della cancellata, degli infissi e dei loro elementi di irrigidimento, che presentano terminazioni elaborate in nodi intrecciati.

la qualificazione degli interni è arricchita da strutture lignee (capriate e ringhiere) anch’esse lasciate in vista secondo i precetti di Putin e risolte in raffinate trame lineari.

Dalla massa centrale si affaccia il gabinetto  del direttore, sotto, ed il suo studio, sopra: questa parte risale alla prima fase dei lavori ed infatti  si può leggere un diverso trattamento della facciata. Questa parte tende ad assecondare il revival gotico, mentre le due ali laterali  sono alleggerite da grandi finestre in ferro e vetro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...