GIUDITTA  I – KLIMT- 1901

Giuditta I_KLimt

Giuditta I

DIMENSIONI: 82 X 42 cm

ANNO: 1901

CORRENTE ARTISTICA: Art Nouveau

SOGGETTO RAPPRESENTATO: Viene rappresentata un’eroina biblica che sedusse il genere Oloferne. Giuditta incarna la donna fatale e crudele, che fu protagonista di tanti dipinti, di opere letterarie dell’epoca. Giuditta era una giovane vedova ebrea che salvò il suo popolo uccidendo il nemico Oloferne dopo aver finto di concedersi a lui.

PARTICOLARI:

  1. La pennellata con cui è realizzata la figura contrasta volutamente con lo sfondo, sia per il massiccio ricorso all’oro, sia per la sua rigorosa bidimensionali.
  2. La cornice è disegnata dall’artista e realizzata dal fratello Georg Klimt in rame sbalzato.
  3. Gli incarnati della figura danno una resa tridimensionale, mentre il vestito è trattato con un decorativismo bidimensionale, il tutto in una fusione che ha una resa astratta, di grande eleganza formale.

ANALISI: Giuditta appare provocatoriamente seminuda, indossa gioielli art nouevau ed è pettinata secondo la moda contemporanea. Appare fiera e crudele. La testa di Oloferne è rappresentata appena di scorcio, la si nota in basso a destra.

Il dipinto ha un taglio verticale accentuato con la figura di Giuditta, dalla grande carica erotica, che domina l’immagine.

Giuditta II_Klimt

Giuditta II

Klimt ha realizzato, otto anni dopo, un’altra versione di Giuditta, nella quale rappresenta un donna diversa, più fredda e determinata. Se nel primo rappresenta un aspetto positivo, qui invece appare come un aspetto negativo. Inoltre rispetto  al primo quadro la donna non guarda vero lo spettatore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...